Rikard Sjoblom (Beardfish)

lunedì 29 ottobre 2018

Kerretta

Il progetto Kerretta si è concretizzato nel 2005 ad Auckland (Nuova Zelanda) grazie a Dave Holmes (chitarre), Will Waters (basso) e Hamish Walker (batteria).
Il trio ha pubblicato il primo singolo "Death in the Future" nel 2007, seguito dall'E.P. "Antient" nel 2008. L’album di debutto "Vilayer" risale al 2009 seguito due anni dopo dal disco "Saansilo". Il loro lavoro più recente è il full length “Pirohia”  uscito anch’esso per l’etichetta tedesca Golden Antenna Records il 5 Settembre 2014 dopo tre tour europei .
Il tappeto sonoro, totalmente strumentale, è orientato verso un indie rock con sferzate potenti verso il prog metal per un prodotto tecnicamente godibile.

Album consigliato: Vilayer (2009)


Pencarrow

I neozelandesi Pencarrow sono un gruppo di Masterton, cittadina dell’isola del Nord di circa 20.000 abitanti. Il quartetto prende il nome da una attrazione turistica inglese, una  fascinosissima e lussuosa casa di campagna che ha 500 anni di storia e che si trova a Bodmin nella Cornovaglia centrale, vedi:   http://www.pencarrow.co.uk.
L'ensemble ha esordito discograficamente con "Dawn Simulation", cd autoprodotto  uscito il 20 Agosto 2016. L’album è un crossover di stili punteggiato da assoli e passaggi strumentali di buona fattura, un prog metal di base che culmina in maestosi temi melodici.
Line up: Anthony Rose : tastiere. Todd Thompson: basso.  Justin Chorley: batteria e Tonie Ten Hove: chitarre, voce.

Album consigliato: Dawn Simulation (2016)

giovedì 25 ottobre 2018

Ender

Ender è un progetto creato nel 2007 a Auckland (Nuova Zelanda) dal batterista Logan Compain e dal polistrumentista/compositore Jonathan Dakers.
L'album di debutto omonimo del duo è stato rilasciato nel giugno 2008 dalla label Darkroom Recordings. Il loro unico disco, totalmente strumentale , diviso in quattro lunghe parti per quasi tre quarti d’ora di musica è orientato verso sonorità più arcigne, con propensione al progressive post/metal/rock e aperture melodiche suadenti.


Album consigliato: Ender (2008)

Jakob

Il trio neozelandese dei Jakob è stato formato nel luglio del 1998 a Napier , una città costiera dell’isola del Nord di quasi 60.000 abitanti che ha la peculiarità di divenire luogo di residenza di molti neozelondesi al momento della pensione, da Jeff Boyle ( chitarra, synth, campionamenti), Maurice Beckett (basso) e Jason Johnston (batteria).
Dopo una gavetta di quattro anni con innumerevoli concerti anche in posti molto piccoli e l’uscita di un omonimo E.P nel 1999 dalla lunghezza di un full length, oltre settantuno minuti, la band esce nel 2002 con il primo album ufficiale dal titolo" Subsets of Sets " con cui ottiene molti riconoscimenti dalla critica e maggiore visibilità di pubblico. A seguire nel 2003 "Cale: Drew" e, dopo l’ E.P. del 2004 “Dominion “ e un tour internazionale tra Australia e Texas, nel 2006 danno alle stampe "Solace" .
Il trio originale, coadiuvato da altri numerosi musicisti, di rilievo la corposa sezione d’archi, dopo una lunga pausa  ha poi pubblicato il cd e doppio vinile “Sines” nel 2014 per la label statunitense di Covington (Georgia) “The Mylene Sheath”.
Il sound, totalmente strumentale,  è più orientato verso il post rock sofisticato con qualche “sprizzatina” progressiva e momenti più rilassati vicini all’ambient music.

Album consigliato: Sines (2014)

martedì 23 ottobre 2018

Shepherds of Cassini

Shepherds of Cassini è un ensemble di Aukland (Nuova Zelanda), fondato nel Febbraio 2012. Il primo album omonimo è stato rilasciato il 24 agosto 2013 seguito da “Helios Forsaken”  uscito 11 Luglio 2015
Il loro tappeto sonoro combina il prog-metal con aspetti melodici cospicui e momenti space rock  inframezzati da etno/riff  mediorientali, afflati psichedelici e dinamiche sonore più hard/post/rock. Da sottolineare gli interventi violinistici di Felix Lun che impreziosiscono la proposta sonora.
Line up: Brendan Zwaan: voce e chitarra.  Felix Lun: violino. Omar Al-Hashimi : batteria e Vitesh Bava: basso

Album consigliato: Shepherds of Cassini (2013)

lunedì 22 ottobre 2018

The Bob Lazar Story


The Bob Lazar Story è un progetto del compositore/polistrumentista Matt Deacon, inglese di nascita (Liverpool) ma ormai neozelandese a tutti gli effetti, con sede a Christchurch, la più grande città dell’isola del sud nonché la terza per popolazione dell’intera nazione con 367.000 abitanti.
Il nome prende origine da uno sedicente scienziato /imprenditore statunitense Robert  “Bob” Scott Lazar ( https://it.wikipedia.org/wiki/Bob_Lazar ) che aveva descritto in una intervista , disegnandola, la struttura dei dischi volanti.
Deacon assieme ad altri musicisti, tra cui il batterista/percussionista Chris Jago, presenza costante del progetto, ha realizzato tre  full lenght: “(sic)” nel 2006, “Space Roots” nel 2012 e Baritonia nel 2017 e tre E.P.  
Il sound  si poggia su una vasta gamma di influenze musicali con un progressive eclettico di ottima fattura seppur non di facile fruibilità.

Album consigliato: Baritonia (2017)

mercoledì 17 ottobre 2018

Alco Frisbass

Gli Alco Frisbass, progetto transalpino formatosi sull'asse Parigi- Rennes il 6 Maggio del 2013,  è di fatto una collaborazione virtuale attraverso computer e web dei polistrumentisti Fabrice "Chfab" Chouette: tastiere, chitarre, voce, flauto dolce, fischietto, percussioni e Patrick "Paskinel" Dufour: piano Fender Rhodes, tastiere, programmazione di batteria, carillon. 
Il nome prende spunto da uno degli pseudonimi del regista/attore/illusionista francese Georges Melies (Parigi 1861-1938), in pratica l'inventore degli effetti cinematografici 
(Vedi ad esempio:  https://youtu.be/aNcxCR7f2MQ )
Il duo, facendosi aiutare dal mellotronista Thierry Payssan (Minimum Vital), dal valente chitarrista Jacob Holm Lupo (White Willow)  e dal violinista Archimede De Martini (Stormy Six), con il missaggio ad opera di Paolo "Ske" Botta (Yugen, Not a Good Sign), ha dato alla luce l'omonimo disco d'esordio il 31 Gennaio 2015. Quest'anno Paskinel & Chfab, coadiuvati da Frédéric Chaput (chitarre elettriche e acustiche, basso, tastiere, synth, percussioni), Jean-Luc Payssan (chitarra), Thierry Payssan (piano) e Eric Rebeyrol (cornetta), hanno bissato la prima uscita discografica con "Le Bateleur".  Entrambi i lavori sono stati rilasciati per la dinamica Label milanese AltrOck http://www.altrock.it .  
La loro interessante proposta sonora meramente strumentale fonde Canterbury sound ed elementi sinfonici con afflati jazz/fusion.
Link utili: https://soundcloud.com/alcofrisbass?fbclid=IwAR2ePq5cTc1cUe0ia5fZrKf6kwCtC5p9xrBkrzZaXWYp3KSqlJv3AqZ-I90
https://altrockproductions.bandcamp.com/album/le-bateleur


Album consigliato: Le Bateleur (2018)