Rikard Sjoblom (Beardfish)

Rikard Sjoblom (Beardfish)
“La luce sul Prog non si è mai spenta, è stata solo offuscata in attesa di nuova energia dal risveglio delle coscienze....”. (Mauro Pini)

venerdì 14 giugno 2024

Magick Brother and Mystic Sister

I Magick Brother and Mystic Sister sono originari di Barcellona e prendono il nome da una canzone del primo album dei Gong datato 1969.Le loro origini risalgono al 2000, quando Eva Muntada (tastiere/voce) e Xavi Sandoval (basso/chitarra) incontrarono il mitico Daevid Allen https://it.wikipedia.org/wiki/Daevid_Allen a un festival di Canterbury dove suonavano Gong, Caravan e Arthur Brown. Nel 2013, alla coppia,  si sono uniti  Maya Fernández (flauto) e Marc Tena (batteria, voce) per completare la band come quartetto.
Con questa line up hanno registrato l'album omonimo nel 2020. Successivamente con una formazione a tre:  Eva Muntada (tastiere,mellotron,voce) e Xavi Sandoval (basso,chitarra, mandolino, sitar e voce) e la new entry il batterista Alejandro Carmona, hanno pubblicato "Tarot part 1" il 29 marzo 2024. A questo ottimo album che veleggia tra sonorità psyco progressive e space rock hanno collaborato come ospiti Dominic O'Dair e Maddy Gray: voce narrante. Tony Jagwar: sitar. Didac Ruiz: percussioni. Maya Fernandez: flauto. Glenn Brigman: voce.
In ascolto The Hierophant sesta traccia dell'ultimo disco

Album consigliato: Tarot part 1 (2024)


  

martedì 11 giugno 2024

Eclat

Gli Eclat si sono formati a Marsiglia nel 1989 grazie al chitarrista/cantante Alain Charazzo.
Negli anni novanta del secolo scorso come quintetto hanno pubblicato tre album in studio di cui il primo con il moniker  Eclat De Vers e un live.
Nel nuovo millennio il combo francese si riduce a quartetto: Alain Chiarazzo alla chitarra/voce, Thierry Massé alle tastiere, Fabrice Di Mondo alla batteria/percussioni e Bruno Ramousse al basso, con questa formazione pubblica nel 2002 il quarto album “Le Cri De La Terre” per Musea Records  http://www.musearecords.com . Dopo il cambio della sezione ritmica con l'innesto del batterista Marco Fabbri e del bassista Fred Schneider, l'ensemble transalpino rilascia un disco dal vivo  "Live au Roucas" (Musea, 2010), registrato venerdì 14 settembre 2007 alla Maison de Quartier du Roucas, a Vitrolles https://it.wikipedia.org/wiki/Vitrolles_(Bocche_del_Rodano).
Con la medesima line up nel 2012 gli Eclat nel 2012 pubblicano  quello che per ora è il loro ultimo disco ossia " L'Esprit Du Cercle" (Musea Records) con la collaborazione di Jerry Marotta, batterista di Peter Gabriel, in un brano.
Da segnalare che le fascinose  copertine di entrambi gli album in studio del terzo millennio sono state create dal notissimo illustratore inglese Paul Whitehead ( Genesis, Van der Graaf Generator, Orme....) https://it.wikipedia.org/wiki/Paul_Whitehead .
Il loro sound è un eccellente prog sinfonico con sfumature jazzy
Dal disco del 2012 la seconda traccia Muse et ame


Album consigliato: 
L'Esprit Du Cercle (2012)


martedì 4 giugno 2024

Už Jsme Doma

Gli Už Jsme Doma sono una storico ensemble della Repubblica Ceca formatosi nell'antica località termale di Teplice (https://it.wikipedia.org/wiki/Teplice ) nel 1985 grazie ai sassofonisti Jindra Dolanský e Milan Nový, alla batterista Jula Horváth, al tastierista Jiří Závodný, al bassista Petr Keřka e ai chitarristi Ota Chlupsa e Jiří Solar.  
Il nome della band si traduce letteralmente in “siamo a casa ora”, ma idiomaticamente significa “bene, ecco fatto” in un modo di dire ceco. 
Fino alla fine del 1989 con il culminare della Rivoluzione di Velluto in Cecoslovacchia
https://it.wikipedia.org/wiki/Rivoluzione_di_velluto, la band era considerata illegale dal regime comunista ed era costretta a tenere concerti segreti rischiando l'arresto in ogni occasione.
Dal 1990 la band, con imponenti cambi di formazione, ha iniziato a pubblicare numerosi album, limitandoci solamente a quelli in studio sono undici in totale di cui cinque nel terzo millennio.
Gli Už Jsme Doma sono noti anche per i loro spettacoli teatrali molto divertenti in cui esplicano  il loro sound che contiene aspetti folk, sinfonici, gotici, prog d'avanguardia e
klezmer https://www.treccani.it/enciclopedia/klezmer/ ,  per un prodotto variegato di valore.
Ultima line up: Josef Červinka: voce, basso. Vojtěch Bořil: batteria. Miroslav Wanek: chitarra, tastiere, voce. Radek Surýnek: trombone. Adam Tomásek: tromba.
In ascolto e visione Hollywood in versione live 2005 

Album consigliato: Tri Krizky (2015)



venerdì 24 maggio 2024

Urdog

Gli Urdog sono stati un trio americano di Providence, capitale dello Stato del Rhode Island, attivo dal 2002 al 2006. La band era composta da David Lifrieri (chitarra/voce), Erin Rosenthal (percussioni/voce) e Jeff Knoch (organo/voce). 
Prima di sciogliersi, hanno pubblicato due album: "Garden Of Bones" nel 2004 e "Eyelid Of Moon" nel 2005, entrambi per Secret Eye Records gestita da Jeffrey Alexander. 
Nel 2006  la band ha terminato il suo breve percorso, con Jeff che si è trasferito nel deserto, Dave che ha aperto un negozio di dischi ed Erin che ha studiato fitoterapia, dopo un ultimo live al celebre psych fest Terrastock nella loro città natale.
Nel 2020 Chris Reeder e John O'Carroll, fan di lunga data della band statunitense e fondatori dell'etichetta indipendente britannica Rocket Recordings, hanno rivalutato i full-length della band durante il periodo di isolamento covid e li hanno contattati per organizzare la pubblicazione del loro materiale su vinile, tutto ciò ha portato all'album retrospettivo "Long Shadows 2003-2006" del 2021, contenente selezioni della loro discografia. 
Il loro tappeto sonoro è realizzato con uno stile ipnotico di rock/prog psichedelico influenzato dal krautrock e dall'acid folk.
Dal secondo disco la terza traccia Ani Nie Ma 

Album consigliato: Long Shadows 2003-2006 (2021)


martedì 21 maggio 2024

The Fall of Troy

The Fall of Troy , "la caduta di Troia" il cui nome è stato ispirato ai fondatori dai libri di Storia, è un ensemble  musicale sorto nel 2002 a Mukilteo, città di circa ventimila abitanti della contea di Snohomish, situata nello stato di Washington, a circa 40 km a nord di Seattle.
I tre giovani strumentisti, padri fondatori del progetto sono:  Thomas Erak: chitarre, voce principale. Andrew Forsman: batteria e Tim Ward: basso, voce.
La loro discografia prevede alcuni E.P. e sette album in studio: "The Fall of Troy" (2003), 
" Doppelganger "(2005), " Manipulator" (2007), "Phantom on the Horizon" (2008), " In the Unlikely Event " (2009), " OK #1 " (2016), "OK #2" (2016) e "  Mukiltearth " (2020).
Il loro stile è un interessante crossover punk-rock-heavy prog  creativo ed energico.
In ascolto F.C.P.R.E.M.I.X. terza traccia del disco  Doppelganger

Album consigliato: Doppelganger (2005)


Dagtum

I Dagtum sono un trio filippino di Pateros, cittadina di oltre sessantamila abitanti situata a pochi chilometri di distanza dalla capitale Manila.  Il gruppo ha preso forma nel periodo del covid grazie a tre figure di spicco della musica metal filippina: il cantante/bassista Adam Carlo Along (Legion), il batterista Ronaldo Vivo Jr. e suo fratello chitarrista Ronnel (entrambi del gruppo post-metal Basalt Shrine e dell'unità psych-rock Insektlife Cycle, tra gli altri). Il 30 agosto 2021, per l'etichetta indonesiana Eastbreath Records https://eastbreathrecords.bandcamp.com/artists, è stato rilasciato l'album "Revered Decadence" che è , a questa data, l'unica pubblicazione del progetto Dagtum.
Il super gruppo asiatico propone una fusione di black, avant-garde death  e sludge metal progressive con tocchi sperimentali.
In ascolto l'intero disco


venerdì 10 maggio 2024

Veludo

I brasiliani Veludo, in italiano velluto, nascono come Veludo Eletrico nel 1974 e si sciolgono  nel 1978 dopo numerosi live immortalati successivamente nel 1994 con il disco "Ao Vivo" pubblicato grazie  al bassista Nelson Laranjeiras, uno dei membri fondatori del gruppo oltre a Elias Mizrahi ( tastiere), Paul de Castro (chitarra) e Gustavo Schroeter (batteria).
Successivamente, si sono riuniti  all'inizio del nuovo secolo e hanno pubblicato un nuovo album , intitolato "A Re-Volta", nel 2002. Dopo una ulteriore lunga pausa l'ensemble brasiliano con vistosi cambi di line up ha pubblicato in modo indipendente due full length: "  Penetrando Por Todo Caminho Sem Fraquejar " nel 2016 e "Nascimento e morte" nel 2023.
Il sound dei Veludo è una mistura di prog sinfonico con venature heavy e space.
In ascolto l'album Nascimento e morte


Album consigliato: A Re-Volta (2002)

Raptor Konrad

I Raptor Konrad, provenienti da Hlučín https://it.wikipedia.org/wiki/Hlučín , vicino a Ostrava  https://www.viaggiculturalieuropa.it/blog/cosa-vedere-a-ostrava/, terza città per grandezza della Repubblica Ceca, si sono formati  nel 2004  grazie a Marek Burdzik (chitarra, voce), Andrej Kubelka (basso),  Libor Weiss (batteria) e Vítezslav 'Vitus' Jirík (tastiere,voce), tutti musicisti già impegnati in altri progetti.
Il nome della band è stato ideato da una distorsione del nome del primo sindaco di Hlučín del 1303 ossia Konrad Sriptor.
Nel 2009 il chitarrista-bassista Karel Kühpast ha completato la line up che ha così iniziato a registrare le canzoni per l'album di debutto "Rock Suite: The Mass For The Angel", pubblicato in autoproduzione nel 2010. 
Nel 2019 il quintetto ceco ha pubblicato, sempre in autonomia, il secondo full length 
" Sonatinas and sonnets".
Il tappeto sonoro è uno space progressivo di buon livello a tinte psichedeliche.
In ascolto l'intero primo disco

Album consigliato: Rock Suite: The Mass For The Angel (2010)